e432f4e4fdb1a4ce8383a523d1ffeba4.jpg
Dirai che sei stato altrove, lontano…
Dirai che eri assente, oltre il limite possibile.
Quando ti chiederanno della tua assenza, spiegherai che la prima persona da cui sei stato lontano sei stato tu.
Non sai dove sei stato, hai semplicemente viaggiato in luoghi a volte bui, a volte pieni di cose nuove, sconosciute. Hai imparato e hai apprezzato cose di cui non ricordavi nemmeno l’esistenza, probabilmente non le avevi mai conosciute prima. Hai pianto, sentito freddo e a tratti hai avuto anche paura, ma sono state proprio quelle piccole cose che avevi perso di vista a darti ossigeno, volontà e forza per continuare questo viaggio verso l’ignoto. Nessuno sapeva dov’eri, in pochi sapevano che eri partito e nemmeno tu, probabilmente eri consapevole di dove fossi diretto. Hai viaggiato a lungo e nella prima parte del viaggio hai portato con te, come catene alle caviglie il dolore e la delusione che ti ha spinto a muovere il primo passo. Stanco, di una stanchezza che non dimenticherai mai, fatta di sogni infranti adagiati su cocci di fiducia e speranza finite in frantumi. Cieco e incapace di vedere un domani proseguivi un cammino fatto di ferite che bruciano.
Non sai quanto hai camminato,ore, giorni, mesi, chissà…
Sei ormai lontano da tutto e anche quelle catene che rallentavano il tuo passo, ora sembrano essere più leggere.
La paura si è affievolita, quasi anestetizzata dentro un’anima ormai incapace di provare emozioni. Hai smesso di pensare, di ricordare. Adesso è solo del tuo istinto che hai bisogno, così senza fiatare, lo ascolti e a lui ti affidi, lasciando passare il tempo.
Non sai quante volte hai cambiato direzione, non ricordi quante persone hai incontrato, quante storie hai ascoltato, ma sai che hai vissuto quel tempo e forse è stato uno dei “Tempi” più importanti della tua esistenza.
Spiegherai alzando le braccia che non sai dove sei stato…
Forse non sei mai veramente partito, probabilmente hai viaggiato dentro la tua anima e non su strade sconosciute… Ma se la persona riflessa nello specchio, che oggi sorride senza veli e finzioni SEI TU, credimi sei SICURAMENTE TORNATO!

Silvia Nelli ©

jqnj3t.jpg

Umiliare è qualcosa che riesce a molti.
Molti lo fanno in modo naturale e compiaciuto.
E’ quel modo subdolo di oscurare gli altri nella speranza che un po’ di quella luce che tanto invidiano possa posarsi finalmente su di loro.
Sappiate che quella luce non vi viene “Negata”…
Semplicemente siete incapaci di accenderla su voi stessi; e i motivi possono essere soltanto due:
1. Ne siete decisamente privi.
2. Avete il maledetto vizio di tenere i riflettori costantemente puntati sulla vita degli altri.
Nel primo caso soluzione non c’è…
Nel secondo, potreste cominciare a farvi i fatti vostri e cominciare a cambiare traiettoria alla vostra “attenzione”!

Silvia Nelli ©

2c75eb844f603961e2b3489a16513e5f.jpg
Troppo spesso le sottovalutano.
Sottovalutano i loro silenzi che aprano mondi infiniti di interminabili parole. Le loro grida silenziose, azzittite da occhi lucidi, taciturni e stanchi. I loro sguardi spenti illuminati solo da finti sorrisi di facciata.
Spesso le sottovalutano, ricoprendole di colpe che non hanno, portandole ad annullarsi per compiacere l’ego di chi consapevole di non valere niente non trova altro modo per sentirsi appagato, che quello di veder qualcuno ai propri piedi.
Le sottovalutano quando pensano che le loro lacrime saranno eterne e il loro pensiero sarà sempre volto verso chi con un sorriso beffardo è certo di tenerle in pugno.
Le sottovalutano fin troppo spesso, quando di fronte all’ennesimo insulto, schiaffo o accusa ingiustificata, restano immobili, perse senza più possedere nemmeno la padronanza di se stesse.
Ripeto e ribadiscono…
Le sottovalutano, credendo che non se ne andranno mai.
Mentre un giorno, se troveranno la forza, rialzeranno la testa e puntandovi il palmo della loro mano, vi grideranno: “BASTA”!
Sarà quello il momento in cui voi non avrete più niente, il vostro ego crollerà e si tramuterà in polvere.
In tanti piccoli granelli di polvere…
Granelli piccoli come voi… Che sono niente… Proprio come voi.
Quello sarà il momento in cui capirete di non avere NIENTE!
Oppure…
Non accettando il vostro vero essere, con una ferocia inaudita vi scaglierete su chi vi ha messo di fronte ad una scomoda realtà e per sentirvi un’ultima volta “GRANDI” le toglierete ciò che di più caro ha… LA VITA!
Ma torno a dire… Le sottovalutate…
Alcune DONNE saranno GRANDI anche quando non esisteranno più… Forse ancor più grandi.
Silvia Nelli ©
– Tratto da:
“LEDONNEETERNE”
(Dedicata a tutte le donne morte per mano di uomini… Che uomini non erano).

c34b5168f62b4926d2940b533734bcce.jpg

Lascia che tutto scivoli via.
Lascia che parole che non ti rispecchiano si sgretolino nell’aria, che la menzogna si frantumi contro la tua coscienza pulita e che l’invidia e la cattiveria muoia nel silenzio della tua indifferenza. Lascia che tutto ciò che arriva da quella parte di mondo a cui hai scelto di non appartenere, si fermi e scivoli sulla tua corazza. Una corazza fatta di certezze, intelligenza, forza interiore e sicurezza. Hai scelto di essere te stessa… Questo non ti permetterà di scegliere chi può o non può “parlare” o “Sparlare” ,ma sicuramente ti da il diritto di scegliere chi vuoi o non vuoi ascoltare.

Silvia Nelli ©

54080424_2064172516997620_3568507121576181760_n

La sensazione migliore che possiamo provare è quella di abbracciare qualcuno in modo limpido e senza timori. Qualcuno che ci accetti completamente come siamo, senza recriminarci niente, accettando anche i nostri lati più scuri. Una sensazione dolce e rassicurante che resta dentro e ci fa sentire al sicuro.
Nella vita incontriamo molte persone sbagliate e i cambiamenti che causano n noi, li porteremo sempre come medaglie… Sono la dimostrazione che seppur diversi, ci siamo, ancora esistiamo. Essi non hanno distrutto, ne’ ucciso ciò che eravamo, ma lo hanno solo cambiato, in alcune cose in meglio… In altre purtroppo in peggio, ma respiriamo liberi.
La sensazione migliore che possiamo provare è quella di sentirsi finalmente a casa, in qualsiasi posto, in pace con il mondo e con se stessi, per mano a qualcuno che di noi ha capito tutto senza il bisogno di spiegargli niente… Qualcuno che dell’amore ne conosce senso, valore e importanza e non solo la parola.

Silvia Nelli ©

55481561_309787579709851_3801463686694961152_n.jpg

– PER UNA VOLTA –
Lasciate a casa l’educazione, dimenticate che il silenzio vale oro e dateci giù di brutto! Prendete e sparate a zero contro chi per voi non ha mai avuto pietà. Dimenticate che ignorare è arte e imparate che almeno una volta dire ciò che si pensa in faccia ai falliti, a chi ci ha feriti, a chi volutamente ha provato a distruggerci è cosa buona e giusta. Rosicate ancora, guardateci, invidiateci… A noi non interessa. Distruggeteci, non fa nulla abbiamo dalla nostra parte un’arma che voi non conoscete: L’intelligenza! Abbiamo una macchina che voi non possedete: Il cervello! E quando nella vita hai un cervello dotato d’intelligenza anche se stai a zero saprai sempre ricominciare! Non proviamo rancore per voi, a volte nemmeno pena perché siete semplicemente troppo piccoli. Siete solo mosche che ronzano, futili fastidi di cui non ci occuperemo mai. Vi diremo sempre ciò che pensiamo, ma avrete solo un’occasione per ascoltare. Siamo al di sopra di ogni vostro livello per questo non replichiamo mai… E quando forse avrete capito qualcosa di ciò che vi abbiamo detto non potrete nemmeno dirci la vostra… Saremo già troppo lontani, saremo così oltre da non ricordare più nemmeno chi siete! Mentre voi sarete fermi in un luogo qualunque intenti a guardarvi intorno e capirci qualcosa, noi staremo già danzando più in alto di quanto ci aspettassimo prima di partire. Saluti a voi!

Silvia Nelli ©

84969-Se-Me-Che-Vuoi-Danza-Con-La-Mia-Follia-Ama-La-Mia-Pazzia-Sposa-I-....gif

Avete presente quelle persone che soffrono in silenzio. Che anche quando muoiono in un addio sorridono e dicono “Vai pure”. Quelle persone che dietro ai loro “Va tutto bene” si nasconde sempre un mondo che cade a pezzi… Ecco, dietro a quelle persone si nasconde un’energia diversa dai “Normali”. Si nasconde vita pura e anime nobili. Hanno un sole stampato nell’anima, un sole che riescono a far risorgere anche dopo i peggiori temporali. Sono vive e la vita gli scorre nelle vene a tal punto che puoi ucciderle in apparenza, ma loro rinasceranno sempre. Rinasceranno migliori, ancor più belle e tu potrai solo ricordarti di averle conosciute perché la loro vita avrà scelto di non incrociare mai più la tua.

Silvia Nelli ©