2c75eb844f603961e2b3489a16513e5f.jpg
Troppo spesso le sottovalutano.
Sottovalutano i loro silenzi che aprano mondi infiniti di interminabili parole. Le loro grida silenziose, azzittite da occhi lucidi, taciturni e stanchi. I loro sguardi spenti illuminati solo da finti sorrisi di facciata.
Spesso le sottovalutano, ricoprendole di colpe che non hanno, portandole ad annullarsi per compiacere l’ego di chi consapevole di non valere niente non trova altro modo per sentirsi appagato, che quello di veder qualcuno ai propri piedi.
Le sottovalutano quando pensano che le loro lacrime saranno eterne e il loro pensiero sarà sempre volto verso chi con un sorriso beffardo è certo di tenerle in pugno.
Le sottovalutano fin troppo spesso, quando di fronte all’ennesimo insulto, schiaffo o accusa ingiustificata, restano immobili, perse senza più possedere nemmeno la padronanza di se stesse.
Ripeto e ribadiscono…
Le sottovalutano, credendo che non se ne andranno mai.
Mentre un giorno, se troveranno la forza, rialzeranno la testa e puntandovi il palmo della loro mano, vi grideranno: “BASTA”!
Sarà quello il momento in cui voi non avrete più niente, il vostro ego crollerà e si tramuterà in polvere.
In tanti piccoli granelli di polvere…
Granelli piccoli come voi… Che sono niente… Proprio come voi.
Quello sarà il momento in cui capirete di non avere NIENTE!
Oppure…
Non accettando il vostro vero essere, con una ferocia inaudita vi scaglierete su chi vi ha messo di fronte ad una scomoda realtà e per sentirvi un’ultima volta “GRANDI” le toglierete ciò che di più caro ha… LA VITA!
Ma torno a dire… Le sottovalutate…
Alcune DONNE saranno GRANDI anche quando non esisteranno più… Forse ancor più grandi.
Silvia Nelli ©
– Tratto da:
“LEDONNEETERNE”
(Dedicata a tutte le donne morte per mano di uomini… Che uomini non erano).

54080424_2064172516997620_3568507121576181760_n

La sensazione migliore che possiamo provare è quella di abbracciare qualcuno in modo limpido e senza timori. Qualcuno che ci accetti completamente come siamo, senza recriminarci niente, accettando anche i nostri lati più scuri. Una sensazione dolce e rassicurante che resta dentro e ci fa sentire al sicuro.
Nella vita incontriamo molte persone sbagliate e i cambiamenti che causano n noi, li porteremo sempre come medaglie… Sono la dimostrazione che seppur diversi, ci siamo, ancora esistiamo. Essi non hanno distrutto, ne’ ucciso ciò che eravamo, ma lo hanno solo cambiato, in alcune cose in meglio… In altre purtroppo in peggio, ma respiriamo liberi.
La sensazione migliore che possiamo provare è quella di sentirsi finalmente a casa, in qualsiasi posto, in pace con il mondo e con se stessi, per mano a qualcuno che di noi ha capito tutto senza il bisogno di spiegargli niente… Qualcuno che dell’amore ne conosce senso, valore e importanza e non solo la parola.

Silvia Nelli ©

84969-Se-Me-Che-Vuoi-Danza-Con-La-Mia-Follia-Ama-La-Mia-Pazzia-Sposa-I-....gif

Avete presente quelle persone che soffrono in silenzio. Che anche quando muoiono in un addio sorridono e dicono “Vai pure”. Quelle persone che dietro ai loro “Va tutto bene” si nasconde sempre un mondo che cade a pezzi… Ecco, dietro a quelle persone si nasconde un’energia diversa dai “Normali”. Si nasconde vita pura e anime nobili. Hanno un sole stampato nell’anima, un sole che riescono a far risorgere anche dopo i peggiori temporali. Sono vive e la vita gli scorre nelle vene a tal punto che puoi ucciderle in apparenza, ma loro rinasceranno sempre. Rinasceranno migliori, ancor più belle e tu potrai solo ricordarti di averle conosciute perché la loro vita avrà scelto di non incrociare mai più la tua.

Silvia Nelli ©

l.jpg

Ci siamo negati tempo per donarlo a chi non ha saputo apprezzarlo. Ci siamo negati molti sogni per realizzare i vostri e abbiamo soppresso esigenze per appagare le vostre. Ci siamo persi e a fatica ritrovati. Ci siamo dannati per capirvi, per seguire i vostri sbalzi d’umore e tutti i vostri capricci. Ci siamo annullati per appagare il vostro ego e non ci siamo sentiti dire nemmeno una volta: “Grazie”! Siamo stupidi?! No! Siamo semplicemente quelli che se amano sanno esserci, quelli che non contano le lacrime, i sacrifici o le rinunce, ma danno priorità al sentimento. Siamo quelli che troppo spesso vengono usati, feriti e spesso traditi, quelli che poi una volta voltata pagina nemmeno te ne ricordi più, perché mai hanno contato veramente, nemmeno quando li avevi a fianco. Però ricorda… Siamo anche quelli che vi torneranno in mente il giorno in cui vi sentirete soli, in cui vi sentirete persi e capirete che nella vita non avete costruito niente… E quel giorno per voi saranno caz…i amari, credetemi. 


Silvia Nelli ©

31183592_2092614817691251_8529165464801116160_n
Ho scritto molte cose.
Ho parlato di me, di chi avevo vicino e di cosa attorno a me accadeva. Ho parlato di persone incontrate, alcune “Bianche” e altre decisamente “Nere”. Ho parlato di quello che hanno lasciato in me gli avvenimenti, le parole e i gesti. Ho espresso pensieri che gli atteggiamenti altrui suscitavano in me. Ho dato libero sfogo al dolore, alla rabbia e a quel vuoto che a volte mi ha accompagnata. Malgrado questo, ci saranno sempre alcune cose di me di cui non parlerò mai. Come ogni anima sospesa in un mondo che spesso non sente suo e non la rispecchia, nascondo anch’io i miei segreti. Mi vedono come la roccia, ma in pochi sanno che dietro quella roccia apparente si nasconde una persona che non racconta più ciò che sogna. Mi vedono come la guerriera, ma quasi nessuno ha compreso che dietro la mia armatura c’è una semplice donna che aspetta solo qualcuno che combatta a fianco a lei e le faccia dichiarare per un po’ di tempo quella “Resa” che da tanto aspetta. Mi vedono piena di coraggio, ma il coraggio parte dalla paura, il coraggio è solo la volontà di tentare e di rischiare e io lo faccio nascondendo la paura che in me suscita. Se pensate che io sia una persona che non ha bisogno di nessuno avete sbagliato tutto… Vorrei avere qualcuno che invece sappia vedere in me le cose più fragili e se ne prenda cura… Con un abbraccio, una carezza e un po’ di verità. Non ho bisogno di chi mi dice quanto io sia speciale, quanto sia forte e coraggiosa. Quanto io sappia essere una buona amica e una bella persona. Ho bisogno di qualcuno che riapra quelle porte ormai chiuse da tempo. Che faccia tornare a respirare la dolcezza che si è mascherata di durezza. Che possa farmi esprimere ancora i miei sogni attraverso un semplice mano nella mano. Ho bisogno di qualcuno con cui piangere e non qualcuno da consolare. Qualcuno con cui potermi emozionare fino alle lacrime e non qualcuno da cui dovermi difendere mostrando durezza e nascondendo le lacrime. Ho bisogno di ridere e di essere motivo del sorriso di qualcuno. Come donna e come persona io non sono solo coraggio, forza e durezza… Sono anche tutto ciò che non mostro più. Quel “Tutto” che aspetta solo la persona giusta per mostrarsi ancora e senza paura.  Silvia Nelli ©